post-it paturniosi


a volte mafalda, a volte lucy van pelt, a volte betty boop
sempre e comunque paturniosa detta pattie (o patù)

c'è anche un blogghino:
http://nuovepaturnielibere.blogspot.it/
lapattie.pattie(at)gmail(dot)com

Ask me anything

Submit

Ieri è venuta a trovarmi Amicaavvocatobiondo con la sua pupa di un anno. Mentre la pupa strappava l’erba e mangiava foglie di menta lei mi ha chiesto di me e dei miei danni sentimentali. Mi son trovata a rispondere che son tutti assenti, perché in quest’ultimo anno non ho fatto che fuggire e tagliare. In effetti finalmente ADMC mi ha lasciata andare (e ieri non gli ho nemmeno fatto gli auguri, così come non li ho fatti a MisterOccasioneSprecata); non ho più cercato Sedicennedentro, che, anche se è stato bello come un pomeriggio al mare, mi pare incastrato negli anni ”90; non guardo profili che mi possono fare male e sto un po’ chiusa. Son pronta per il gatto e la malinconia, perché non ho più l’energia di rischiare.

Pensiero positivo del risveglio: oggi è l’ultimo giorno in cui devo fingere che tutto vada bene. Domani torno a casa, fino a giovedì non lavoro e martedì e mercoledì posso coccolarmi senza ostacoli il magone e il cattivo umore.

Fingere che vada tutto bene, mentre vorrei solo piangere fino a svenire.

Oggi è una giornata di magone. Mi manchi così tanto che non ci salto fuori. Non passerà mai.

  • Reduce (compagno molesto della viaggio in India): tu credi che Dio sia mai passato di qui?
  • Io: guarda, secondo me Dio non c'è, se c'è mi deve delle spiegazioni e comunque mi sa che si troverebbe meglio qui nel quartiere tibetano di Khatmandu che da noi.
  • (Ed era solo il primo giorno)

Oggi, dopo pranzo, papà mi ha sbucciato e tagliato la pesca. Era buonissima. Poi ho anche un po’ pianto, senza farmi vedere.

Oggi i vezzi un po’ si imbarazzavano. Io ridevo molto dentro.

Oggi i vezzi un po’ si imbarazzavano. Io ridevo molto dentro.

Guardate come sono civili in Nepal!

Guardate come sono civili in Nepal!

Qui quando arrivi in qualsiasi posto ti mettono collana di fiori. Fa caldo. Tutto picca. I controlli in aeroporto sono una novella dello stento. I colori sono bellissimi.

Qui quando arrivi in qualsiasi posto ti mettono collana di fiori. Fa caldo. Tutto picca. I controlli in aeroporto sono una novella dello stento. I colori sono bellissimi.

E nella top-ten dei posti squallidi entrano di prepotenza gli hotel vicino a Malpensa. La bruttezza, la poca cura, l’aria a palla, la clientela in transito bruttissima. I prezzi folli. Ma tanto uno ci sta solo per una notte.